Agrégateur de contenus

Digital Innovation Hub Toscana

Digital Innovation Hub Toscana Transizione digitale delle imprese

DIH Toscana con la sua Rete di Contact Point sul territorio, si occuperà di far crescere la digitalizzazione nei settori industriali.

 Digital Innovation Hub Toscana (DIH Toscana) è  la proposta progettuale che vedela Regione Toscana 8 come capofila )insieme al coordinamento del distretto tecnologico regionale GATE 4.0

La Piattaforma regionale industria 4.0 nasce come struttura integrata di coordinamento del sistema pubblico di competenze a supporto alle imprese sulle materie del trasferimento e dell'innovazione tecnologica, della formazione tecnica e universitaria e del lavoro. .
.leggi di più su http://industria40.regione.toscana.it/digitalinnovationhub

Smart City

Una Smart City è un luogo dove le reti di comunicazione e i servizi tradizionali sono trasformati e resi più efficienti grazie all’uso delle comunicazioni digitali, per migliorare la vivibilità dei cittadini e delle attività lavorative.

La Regione Toscana ha intrapreso un percorso di la promozione e lo sviluppo delle Smart Cities con un protocollo sottoscritto insieme a Comune di Firenze, Comune di Prato, Comune di Grosseto, Comune di Siena, Comune di Pisa e con ANCI Toscana e Confservizi CISPEL Toscana(DGR 383/2017).

L’azione per le smart city si è intersecata con il percorso di approfondimento dei temi dell’Agenda digitale toscana denominato #ToscanaDIgitale. Durante gli incontri svolti sul territorio, sono state raccolte buone pratiche, esperienze e richieste di vari enti, che sono disponibili nel documento di report finale.

Gli approfondimenti fatti hanno anche consentito di definire una sintetico documento di Linee guida per le smart city in Toscana che definisce obiettivi, caratteristiche generali e architettura logica di un ecosistema di livello regionale.

La richiesta emersa dagli incontri, e confermata dai firmatari del protocollo, è di procedere ad una progettazione e realizzazione di una piattaforma per le smart city di livello regionale, che sia flessibile e scalabile in modo da poter accogliere le esigenze di progetti porposti da enti del territorio rispetto alle loro specifiche esigenze.
Una piattaforma di questo tipo potrà diventare l’infrastruttura di riferimento per progetti di smart city proposti sia da città che da altri soggetti, quali enti che operano su territori più estesi (unioni di comuni, zone montane, ecc.) ovvero soggetti che operano in specifici settori, quali la logistica, i porti o la mobilità.
Regione Toscana ha già avviato, sulla base di specifica convenzione (Decreto dirigenziale 21426/2019), una iniziativa progettuale per la realizzazione di un primo prototipo di piattaforma regionale in collaborazione con il comune di Firenze, il quale, partendo dai progetti in corso, intende rendere più solida e performante la propria piattaforma di smart city utilizzando il data center regionale SCT.

Altri enti potranno usufruire della piattaforma in fase di realizzazione; pur garantendo la separazione dei dati di competenza di ognuno e la loro riservatezza, una piattaforma unica che accoglie dati ed eroga servizi potrà essere occasione di nuove sinergie ed interoperabilità dei dati e dei servizi, al fine di offrire funzioni più evolute e complete a tutti i soggetti che vorranno partecipare al progetto.

Accordo per il digitale Regione Toscana - AgiD

Continua il rapporto strategico fra Regione Toscana ed Agenzia per l’Italia Digitale per l’attuazione delle agende digitali regionali con la sottoscrizione dell’Accordo di collaborazione per la crescita e la cittadinanza digitale, firmato anche dall’Agenzia di Coesione Territoriale, in sintonia con le linee di azione del Piano triennale per l’informatica nella PA, con il contesto socio economico e le priorità territoriali.

Nove le iniziative progettuali programmate nell’accordo, finalizzate alla migrazione dei servizi in cloud, ad aumentare i livelli di sicurezza del sistema informativo regionale, adeguare i servizi regionali alle piattaforme SPID e pagoPA, migliorare i servizi di procurement, migliorare l’interoperabilità tra sistemi, potenziare i servizi per cittadini e imprese, evolvere il sistema informativo open data.

Regione Toscana fruirà dell’affiancamento di AgID nell’attuazione dell’Agenda digitale toscana attraverso un piano di azioni che parte dai fabbisogni dell’ente e verrà attuato grazie alla governance garantita da un’unità centrale di gestione dei progetti (Program management office). Tale unità supporterà le attività previste nell’accordo anche attraverso i Centri di competenza tematici che potranno agevolare il processo di trasformazione digitale tramite la condivisione di metodologie, strumenti operativi e professionalità specialistiche.

L’Accordo promuove la collaborazione tra AgID e Regione Toscana per favorire i processi di trasformazione digitale dell’amministrazione regionale mediante:

  • la razionalizzazione del data center TIX e la sua evoluzione in Sistema cloud toscana (STC) per il rafforzamento del cloud; 
  • la diffusione dei servizi digitali tramite la ristrutturazione ed evoluzione del portale open.toscana.it;
  • l’aumento dei dataset in formato open, grazie alla trasformazione del portale dati.toscana.it in HUB dei siti degli open data presenti in Toscana; 
  • l’aumento degli enti aderenti a pagoPA e la possibilità per i cittadini di disporre di un fascicolo delle posizioni debitorie con la PA tramite IRIS;
  • un accesso unificato ai servizi con i livelli di sicurezza di SPID tramite la piattaforma ARPA, il rinnovo dell’infrastruttura per l’interoperabilità CART con logica delle API per una più efficiente fruizione di dati e servizi per gli ecosistemi digitali della PA;
  • un sistema regionale per la sicurezza informatica per la PA Toscana in coordinamento con i livelli nazionali;
  • la disponibilità di un sistema pubblico di e-procurement basato sulla piattaforma START;
  • il potenziamento dei servizi alle imprese e della semplificazione tramite la piattaforma STAR per i SUAP.

L’intesa siglata dalla Regione Toscana si inserisce nell'ambito dell’Accordo quadro per la crescita e la cittadinanza digitale Verso gli obiettivi Europa 2020, ratificato da AgID e dalla Conferenza delle Regioni e Province autonome a febbraio 2018, con l’obiettivo di rafforzare la capacità delle Regioni di svolgere il ruolo di coordinamento a livello locale della trasformazione digitale dei servizi per i cittadini e imprese (SATD – Soggetto aggregatore territoriale per il digitale). L’Accordo getta le basi per una piena e più efficace attuazione sui territori del Piano triennale rafforzando il patto di collaborazione tra Regioni e Province autonome ed AgID.

Il testo definitivo dell’Accordo è disponibile sul sito di AgiD, compreso l’allegato delle azioni:

 

Prévisualisation
Prévisualisation

Scenari, strategie, progetti e politiche per una Transizione Digitale a prova di futuro

Data: 01 juillet 2021

Rivoluzione Smart -  evento online

L'innovazione e la digitalizzazione rappresentano due strumenti imprescindibili per il necessario cambiamento strutturale del nostro paese a partire dalla PA.

La nuova strategie europea Digital Compass stabilisce obiettivi impegnativi e l'ambizione dell'Italia è di raggiungerli in netto anticipo sui tempi. Il PNRR dedica il 27% delle risorse alla transizione digitale.

Sarà quindi oltremodo urgente farsi trovare pronti e preparati ad accogliere le nuove opportunità e le relative nuove sfide che ci aspettano.

 1 e 2 luglio 2021

Per registrarsi ....

Prévisualisation
1 de 2

DanteCTF, competizione di sicurezza informatica per la CyberNight toscana - progetto Interreg EU CYBER

Data: 19 juin 2021

Regione Toscana, come partner del progetto CYBER, organizza un evento regionale, denominato CyberNight, che ha l'obiettivo di sensibilizzare e fare disseminazione sulle tematiche di cybersecurity.
La CyberNight è costituita:
- da una competizione tecnologica on line, la DanteCTF, il 19 giugno e
- da un momento di disseminazione, che si terrà il 16 giugno 2021 alla presenza del Presidente Giani, dell'Assessore regionale alle infrastrutture digitali, Stefano Ciuoffo, e ai rappresentanti del C3T (Centro di Competenza per la Cybersecurity Toscano).

Il 19 giugno 2021, nell’ambito del progetto InterregEU CYBER, la Scuola IMT di Lucca e la squadra born2scan insieme alla Regione Toscana, organizzano la DanteCTF , un evento che punta ad avvicinare giovani fra i 16 e 23 anni alla tematiche della sicurezza informatica.
La DanteCTF è una competizione online (CTF-Capture The Flag Competition) nella quale ai partecipanti viene richiesto di risolvere delle sfide legate alle tecnologie e alla sicurezza informatica. La partecipazione è totalmente gratuita. Per contribuire alla celebrazioni dei 700 anni dalla morte di Dante, le story board delle challenge sono state sviluppate attorno alle opere del Sommo Poeta. 

Per saperne di più....

Registrazione sulla pagina dell’evento.

 

Inoltre se sei un’azienda, un’associazione, un professionista, e vuoi partecipare alla CyberNight, scrivi a direttore@c3t.it.

Se vuoi proporre premi, stage, gadget per i ragazzi che si aggiudicheranno la gara, scrivi a direttore@c3t.it.

Evento affiliato al progetto CYBER Interreg Europe

 

logo Cyber Interreg EU  

   logo ITA   logo C3T l

 

Open Toscana si rinnova. E ora c'è anche l'app

Data: 22 juin 2020

Crescono e si arricchiscono i servizi online. Portale ancora più tecnologico

Da quando è nato è stato sempre più la porta di accesso ‘smart’ ai servizi on line della Regione, ma anche agli open data e alle ‘stanze’ virtuali dove informarsi ed esprimere giudizi sulle questioni e i progetti aperti alla partecipazione dei cittadini. Un portale moderno e semplice da usare. Open Toscana, open.toscana.it, ora si rinnova. "Per rendere sempre più semplici ed accessibili i servizi digitali della Regione e di tutta la pubblica amministrazione toscana" spiega l'assessore alla presidenza Vittorio Bugli. "Oggi infatti - aggiunge - è sempre più necessario semplificare e dare la possibilità di fare da casa una serie di operazioni che riguardano il lavoro e la vita di tutti i giorni". E cosa c’è di più semplice e accessibile di una app? "Per questo non ci siamo limitati a rinnovare il sito - racconta ancora l'assessore - ma abbiamo anche una app che permette di fare tutto in palmo di mano, usando semplicemente lo smartphone, e senza paura di perdere le scadenze perché il sistema di notifiche permetterà di restare sempre aggiornati".

Sono oltre novecento i servizi della Pa toscana individuati: si potranno ricercare per ente, titolo, descrizione o argomento, da quelli della Regione a quelli di Comuni, Province e Unioni di Comuni, ma anche ulteriori settori della pubblica amministrazione. Quelli della Asl e della sanità ad esempio, disponibili fin dalla prima edizione del portale: per prenotarsi esami e prestazione tramite il Cup, per accedere al proprio fascicolo sanitario che raccoglie tutti i referti ed analisi fatti, per cambiare il medico di famiglia. Si potranno pagare anche on line, dalla piattaforma regionale, i servizi di più comuni. Si potrà accedere ai servizi della giustizia digitale, a bandi di finanziamento, alle tante opportunità del programma Giovanisì e a molto altro ancora.

"Quando alcuni anni fa abbiamo lanciato Open Toscana - ricorda Bugli - pensavamo fosse necessario un cambio di mentalità per favorire le persone e le aziende a usare i servizi digitali anziché recarsi agli sportelli. Oggi vediamo che gli accessi al sito sono triplicati. Open Toscana viene usato non solo per i servizi on line ma anche per partecipare con idee e contributi ai progetti della comunità, per informarsi e per accedere ai dati. "Tutto questo - tira le somme - è il segno che siamo sulla strada giusta. Il portale è cresciuto e il nostro impegno è rilanciare per continuare a farlo crescere. Durante l'emergenza Covid i cittadini hanno potuto sperimentare questo tipo di servizi per oggettiva necessità, ma grazie a piattaforme come Open Toscana possono diventare un modo nuovo, quotidiano e normale di accedere alla pubblica amministrazione"

La app ufficiale di Open Toscana, OT, è già disponibile sia per Android che per Ios nei rispettivi store. Per accedere ai dati sensibili e a funzioni delicate è necessario disporre di un account Spid, il sistema pubblico di identità digitale, attivabile gratuitamente in pochi clic (soprattutto se si ha già una tessera sanitaria attivata). L’accesso con Spid consente di ricevere anche notifiche personalizzate collegate al proprio codice fiscale, come il bollo auto. Per molte altre sezioni l’accesso è comunque libero e non occorre disporre di una identità digitale. Particolarmente ricca è è la sezione sugli open data: oltre 4000 set di dati aperti della Pa Toscana, compresi gli aggiornamenti sui numeri dell’epidemia Covid-19 provenienti dall’Agenzia regionale di sanità.

Da Open Toscana si accede anche alle news e ai servizi di Toscana Notizie, l’agenzia di informazione della giunta regionale, e al nuovo sito della cooperative di comunità (coopdicomunita.toscana.it), dove si raccontano i progetti in corso e gli eventi promossi all’interno di questo autentico laboratorio di innovazione sociale promosso dalla Regione.

E poi si possono raggiungere le pagine di Accoglienza Toscana, accoglienza.toscana.it, dedicate appunto alle migliore pratiche di accoglienze, ci si può collegare al sito Toscana Sicura, sicurezza- toscana.it, che racconta le politiche per la sicurezza urbana della Regione, si può raggiungere pure il sito plastic-free.toscana.it, per conoscere meglio l’iniziativa regionale per liberare mare e spiagge dalla plastica.

Infine ci sono il sito Collaboratoscana, collabora.toscana.it, che descrive il percorso avviato dall’assessorato alla presidenza della Regione sull’economia della condivisione e della collaborazione, e le pagine dedicate ai processi partecipativi – partecipa.toscana.it - promossi grazie alla legge sulla partecipazione. Open Toscana dispone anche di un proprio profilo facebook e twitter.

In tre anni Open Toscana ha visto praticamente triplicare le sessioni di accesso (da poco meno di 200 mila a oltre 550 mila nel 2019) e pure gli utenti (da 131 mila a quasi 362 mila). Un vero successo in termini di innovazione della pubblica amministrazione, sempre più accessibile e vicina ai cittadini.

TOSCANA DIGITAL SUMMIT - Evento in Live Streaming  

Data: 13 juillet 2021

E’ la Toscana la protagonista della settima tappa del “Progetto Digital Summit Regionali” con cui The Innovation Group persegue la mission di accompagnare e promuovere l’innovazione nella Pubblica Amministrazione e nei sistemi territoriali, in collaborazione con il Governo Nazionale, i Governi Locali, le Associazioni imprenditoriali, le Università, i Centri di Ricerca e le Imprese.

Prosegue, quindi, il viaggio di ricerca dell’“anima dell’innovazione” dei diversi ecosistemi territoriali, che The Innovation Group ha intrapreso a partire dal dicembre 2018 e che ha toccato finora la Liguria, il Lazio, la Campania (n.2 Edizioni svoltesi nel settembre 2019 ed a marzo 2021), l’Emilia-Romagna e la Lombardia.

Dopo i significativi successi del Lombardia Digital Summit (novembre 2020) e della II Edizione del Campania Digital Summit (marzo 2021) anche il “Toscana Digital Summit” si svolge, il prossimo 13 luglio, in formato digitale ed in diretta streaming.

La manifestazione, organizzata in collaborazione con la Regione Toscana nell’ambito del “DIGITAL ITALY Program 2021”, è articolata in una intera giornata di lavori (ore 9.00 – 18.00) e prevede la realizzazione di 6 Sessioni Plenarie dedicate alle principali tematiche: Digital Transformation e sviluppo dell’economia regionale; Digital Healthcare ed emergenza Covid-19; Mobilità sostenibile, infrastrutture e trasporto pubblico locale; Cybersecurity; Smart City e Turismo; Ecosistema 5G.

Il Summit si propone di delineare le principali iniziative in corso nella Regione e nei sistemi territoriali per lo sviluppo delle infrastrutture digitali, per favorire la crescita digitale delle imprese e per il miglioramento della qualità della partecipazione e dei servizi ai cittadini.

La manifestazione, inoltre, ha l’obiettivo di individuare, valutare e valorizzare le migliori pratiche di sviluppo e di innovazione regionale, affinché siano conosciute a livello territoriale e nazionale ed operino in un contesto di collegamento e sinergia.

Il “Toscana Digital Summit” vuole, infine, offrire una importante occasione di accountability, attraverso cui i vertici politici regionali possano rendere conto ai cittadini di quanto fatto e condividere le linee guida per la crescita, lo sviluppo e l’innovazione della Regione Toscana in un’ottica di programmazione futura.

Il progetto Digital Summit Regionali, nel corso del 2021, analizzerà poi le vocazioni e le identità territoriali di Puglia (mese di settembre), Veneto (novembre) e, infine, Sicilia (dicembre).

Per saperne di più.....

Per registrarsi....

t I post sul tema di Twitter

Prévisualisation
Prévisualisation
Prévisualisation
Prévisualisation
Prévisualisation
Prévisualisation
Prévisualisation
Prévisualisation

C3T.png (Version 1.0)

Transféré par Alessandra Nencioni, 14/06/21 11:50
Prévisualisation